SAN NICANDRO HA MAI PENSATO AI PAT?

0
413
Cheese

Vengono definiti PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali) i prodotti agroalimentari e agricoli destinati all’alimentazione umana, caratteristici di un territorio e legati alle produzioni tradizionali locali. I PAT sono alimenti caratterizzati da metodiche di lavorazione, conservazione, stagionatura consolidate in un dato territorio da almeno 25 anni e sono inoltre strettamente vincolati a fattori quali la tradizione, il territorio, le materie prime e le tecniche di produzione. Un prodotto agroalimentare può essere insignito del riconoscimento “PAT” dalla Regione qualora vengano accertati i requisiti specifici. La richiesta di riconoscimento può essere avanzata da parte di enti pubblici o privati e deve essere corredata da apposita documentazione storica e tecnica. Non possono rientrare tra i PAT prodotti ai quali siano già stati attribuiti il marchio di tutela DOP o il marchio di origine IGP.

I PAT vengono suddivisi nelle seguenti tipologie di prodotto: bevande analcoliche, distillati e liquori, carni fresche e loro preparazioni, condimenti, formaggi, grassi, prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati, paste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria, preparazioni di pesci, molluschi e crostacei e tecniche particolari di allevamento degli stessi, prodotti di origine animale (miele, prodotti lattiero caseari di vario tipo escluso il burro).

Per San Nicandro veder riconosciuto i propri prodotti tipici vuol dire fare più attraente il proprio territorio anche per far leva sul potenziale turistico sempre più attenzionato dall’occhio gourmet del turismo contemporaneo, che vede nell’enogastronomia una nuova chiave di lettura per la storia dei territori. Eppure ci sono prodotti sannicandresi da essere valorizzati nell’ambito del recupero e della mappatura delle tradizioni enogastronomiche locali. Diversi prodotti della nostra gastronomia possono essere annoverati tra i PAT: pupurat, lampascioni, salicornia, acquasala, latticini, ricette tipiche, ecc.

L’imprenditoria locale, confortata dal sostegno dell’amministrazione pubblica, può dare un forte contenuto alla grande eredità alimentare tramandata dagli uomini e dalle donne della nostra terra con progetti ambiziosi e importanti di grande respiro per un percorso di San Nicandro verso una Città Slow provinciale.

Invia una risposta