CONVEGNO IN FIERA: “I PRODOTTI DELLA NOSTRA TERRA, RISORSA ED OPPORTUNITA’ DI SVILUPPO”

0
422

 

Con l’incontro di ieri sera sul tema “I prodotti della nostra terra come risorsa ed opportunità di sviluppo” si sono conclusi, insieme alla 176^Fiera di Ottobre gli incontri tematici che hanno riguardato il territorio sannicandrese e quello garganico.

Dopo la presentazione del conduttore Angelo Diana, ha introdotto i lavori Maura Di Salvia, Consigliere Comunale delegato alla Cultura, che dopo aver portato i saluti del primo cittadino e della città ha voluto fortemente soffermarsi sulla cultura, su una fiera che finalmente possa parlare di cultura e di una cittadina che vuole rilanciarsi come culla della cultura del Gargano.

E’ seguito l’intervento di Chiara Pirro, Designer e Responsabile area creativa Vazapp, innovazione sociale nel mondo agricolo per la promozione e valorizzazione di tutto l’aspetto agricoltura. Parla dell’emozionante progetto di Vazapp e di quello di Shakespeare ai contadini rammentando lo spettacolo con il Teatro dei Limoni nella location del “Sentiero dell’anima” vicino la dolina carsica di Pozzatina annunciando un progetto di fine settimana in agro di San Nicandro con un laboratorio circa l’allestimento dei fiori secchi, vanto e orgoglio di un periodo che poteva dare tanto al nostro territorio.

Poi l’intervento di Ester Fracasso, Presidente “Associazione di Terra e Mare” e ideatrice Libando che, parlando di prodotto turistico, assicura che la parte nord del Gargano può dare molto ed avere tanta opportunità di crescita. Il primo problema è quello della ricettività e, contemporaneamente, offrire il nostro prodotto turistico che è molto accattivante. Inutile scopiazzare Rimini o Riccione in quanto occorre qualcosa di nuovo che i paesi del Gargano possono offrire facendo rete comune concludendo che tutto quello che il territorio può raccontare deve essere messo a sistema.

Poi l’atteso intervento di Patrizia Lusi, Presidente ASP V. Zaccagnino, che evidenzia come l’Asp metta insieme servizi assistenziali e altri connessi al core business dell’Ente. Parla dell’esperienza dell’agricoltura sociale anticipando la vendita solidale dei sacchetti di ceci frutto proprio di questa iniziativa risultata vincente. Ricordo l’iscrizione nel registro dei paesaggi storico-rurali annunciando un prossimo incontro con i 5 sindaci e il Parco del Gargano per un comitato promotore affinchè tale riconoscimento diventi realtà del territorio e i prodotti di questa terra vengono riconosciuti come provenienti da zone d’eccellenza. Ed ancora la possibilità che può offrire la struttura e i terreni del Molino del Caldoli e chiude con l’invito a tutti ad avanzare delle proposte e riappropriarsi della realtà dell’Asp Zaccagnino che è un grandissima realtà per San Nicandro.

Segue l’intervento di Franco Stanca, C.d.A. Cofidi Confcommercio Puglia, che concorda con quanto comunicato dai precedenti interventi invitando informando il settore agricolo sulle opportunità dell’accesso al credito.

Chiude il convegno Napoleone Cera, consigliere della Regione Puglia, che assicura la vicinanza dell’ente Regione all’intero territorio garganico con politiche rivolte e vicine alle imprese e ai giovani

Al termine del convegno e della 176^ Fiera del Gargano questa la dichiarazione di Maura Di Salvia, Consigliere Comunale Città di San Nicandro con delega alla Cultura: “La mia idea di “Fiera di Ottobre” della Città di San Nicandro Garganico? Quella di promuovere il territorio ed i suoi prodotti tipici partendo dalla cultura. Cultura vuol dire diffusione del concetto di promozione, ovvero informazione sulle risorse che il nostro territorio può offrire. Ciò sia al fine di rendere attrattiva la nostra terra per investimenti imprenditoriali e sia per incentivare il turismo non solo stagionale. Attraverso questi tre incontri tematici, che si collocheranno nell’ambito fieristico, ho inteso invitare la cittadinanza a conoscere le risorse della nostra Città e a stimolare, in ognuno, il giusto senso di appartenenza e di orgoglio finalizzato alla ripresa ed alla crescita dell’economia e della cultura di San Nicandro Garganico”.