UNIFG, 1° ATENEO DEL MEZZOGIORNO TRA QUELLI CON MENO DI 10 MILA ISCRITTI

0
1305

I tre atenei pugliesi, l’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari, l’UniSalento di Lecce e l’Università degli Studi di Foggia, scalano la classifica nazionale nelle categorie rispettive, di mega Atenei statali, media grandezza e piccoli sino ad occupare i primi posti. La classifica del Censis-Repubblica 2018-2019, vede infatti l’Università di Bari al 6° posto nella classifica nazionale dei mega atenei con oltre 40mila iscritti, quella di Lecce stesso posto ma tra gli Atenei di media grandezza, mentre quella di Foggia è seconda tra i piccoli atenei italiani.

L’Università degli Studi di Foggia sale di due posizioni e dal 4° raggiunge il 2° posto diventando il primo Ateneo del Mezzogiorno, tra quelli con meno di 10.000 iscritti, confermandosi Ateneo di riferimento e non di passaggio, non solo per la Puglia ma per tutto il Mezzogiorno. Analizzando nello specifico i dati relativi all’Università di Foggia, spiccano i 100 punti assegnati per il settore comunicazione e servizi digitali (dato che colloca UniFg al secondo posto dopo Teramo, che invece è prima con 105 punti) ed i 93 del settore internazionalizzazione (che la collocano al primo posto assoluto tra gli altri Atenei “competitor”). Bene anche le borse di studio (91 punti), per un punteggio medio complessivo di 87,6 per un secondo posto tra i Piccoli Atenei, prima tra quelle del Mezzogiorno. Per la qualità della didattica e dei servizi allo studente, assumono grande importanza gli exploit registrati dal corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (secondo in Italia, tra tutti gli altri corsi di laurea similari esistenti e quello in Odontoiatria e Protesi dentaria (secondo in Italia, ma molto vicino alla prima posizione), ottimo anche il dato del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia, ottavo in Italia. Per le lauree triennali, mantengono tutti quanti le posizioni degli scorsi anni con qualche avanzamento di rilievo come quello di Scienze e tecnologie agrarie (sedicesimo posto) e Scienze delle attività motorie e sportive che si piazza al settimo posto.