UNA DONNA PER L’ASP ZACCAGNINO?

0
289

Si parla insistentemente di un avvicendamento alla guida dell’Asp Zaccagnino. Corrono voci che Emiliano potrebbe nominare commissario o presidente dell’ente una donna già candidata alle ultime elezioni regionali pugliesi. Insomma Di Salvia potrebbe essere sostituito. Il condizionale è d’obbligo in quanto nulla è prevedibile quando c’è la politica a decidere, come dire che può succedere di tutto e il contrario di tutto.

Una nota al presidente Emiliano, però, è dovuta. Lui si scaglia contro Renzi in quanto le decisioni (trivellazioni isole Tremiti ed altro) devono rispettare anche le volontà di altri enti, in questo caso la regione Puglia. Ebbene, c’è una delibera del consiglio comunale del comune di San Nicandro (approvata all’unanimità) che chiede al presidente della regione pro tempore circa la scelta del Presidente dell’Asp Zaccganino che sia individuato all’interno della nostra cittadina che vanta, in ogni caso, figure professionali di tutto rispetto e capaci di assolvere quell’incarico. Il ragionamento di Emiliano con Renzi si può tranquillamente traslare con quello tra l’amministrazione comunale di San Nicandro ed Emiliano. Insomma se il presidente della regione Puglia non dovrebbe adottare pesi e misure diverse. Ci si augura che quanto prima si proceda alla nomina del Presidente dell’Asp e che sia espressione di San Nicandro capace di ricoprire quell’incarico in maniera professionale e che possa fare dell’ente una eccellenza anche e soprattutto per l’economia del nostro territorio.