SAN NICANDRO, ECCO LE NORME PER L’ACCENSIONE DEI TRADIZIONALI FALO’

0
718

L’amministrazione comunale di San Nicandro ha voluto regolamentare l’accensione dei tradizionali falò rionali in occasione delle feste di Sant’Antonio Abate (17gennaio), San Sebastiano (20gennaio), San Ciro (31gennaio) e San Biagio (3febbraio) emanando apposite prescrizioni utili a garantire l’incolumità e la sicurezza, nonché la salubrità dell’ambiente.

Viene pertanto disposto quanto segue:

-l’accensione dei falò deve avvenire nel rispetto delle seguenti prescrizioni, utili a garantire l’incolumità e la sicurezza, nonché la salubrità dell’ambiente

– i fuochi dovranno svolgersi in ottemperanza alla normativa generale, per garantire la sicurezza dei cittadini e il rispetto dell’ambiente;

– alle fasi di accensione e a quelle di spegnimento dovrà presenziare costantemente almeno una persona maggiorenne;

– gli spettatori e gli avventori in genere dovranno tenersi a prudente distanza dalla fiamma;

– gli organizzatori cureranno di lasciare libere delle vie di fuga utili in caso di emergenza e per l’accesso di eventuali mezzi di soccorso;

– il fuoco andrà acceso a centro strada e, comunque, deve essere evitata l’eccessiva vicinanza alle abitazioni e possibili ricadute di scorie incandescenti sui fabbricati;

-la fiamma dovrà essere contenuta e devono impedirsi episodi di incontrollato aumento della stessa o vampate, ad esempio dovute a combustione di materiale leggero (carta, frasche, ecc.);

– deve essere bruciata soltanto legna vergine, di essenze arboree naturali non trattate, con esclusione quindi di materiali che costituiscano rifiuto, specie se plastici, pneumatici e simili;

– la sede stradale o, comunque, lo spazio destinato al sedime del fuoco, dovrà essere opportunamente protetto e isolato con la stradi metallo (o materiale non combustibile) e adeguato strato di sabbia o sabbione (hmin. 40cm) atto ad evitare danni da calore al suolo o rischio per le condotte di gas metano;

– è tassativamente vietato l’utilizzo di bottiglie e recipienti in vetro;

– gli attrezzi per il governo del fuoco dovranno essere tenuti sotto la custodia del referente o persona da lui delegata;

– al termine della manifestazione e, comunque non oltre le 36 ore dallo spegnimento, dovrà essere posta particolare cura nella bonifica del suolo e ripristinato puntualmente lo stato dei luoghi anche attraverso lavaggio dell’eventuale sede stradale;

– gli organizzatori dovranno, preventivamente e comunque con un anticipo non inferiore a tre giorni prima, comunicare l’accensione del falò tramite l’apposita modulistica costituente

In ogni caso dovranno essere tenuti comportamenti e azioni nel rispetto delle misure previste nel Codice della strada.

In caso di violazione delle prescrizioni di cui sopra, si procederà ai sensi del D. Lgs. 285/92ess.mm.ii. per inosservanza delle norme sulla circolazione oltre alle altre sanzioni previste dal T.U.L.P.S., dalla normativa di Settore e/o dalle norme di carattere Penale.

MODELLO RICHIESTA

Al Signor Sindaco del Comune di San Nicandro Garganico (FG)

OGGETTO: comunicazione accensione tradizionale falò.

Il/la sottoscritto/a ________________________________________________________, nato/a a ___________________________(___)  il ___/___/_____ e residente in ____________________________(___), via/piazza ______________________________n. _____, con la presente comunica che in data ______________, dalle ore _______ alle ore ______, in via/piazza ___________________________, in occasione della ricorrenza di: ___________________________________________, accenderà il tradizionale falò rionale.

In ottemperanza all’Ordinanza sindacale N. 02/2023 del 11/01/2023, durante le fasi di accensione e spegnimento, sarà assicurata una costante vigilanza da parte:

( ) dal sottoscrittore della presente comunicazione;

oppure

( ) da (indicare le generalità complete di un cittadino maggiorenne):

_____________________________, nato/a a _____________________(___)  il ___/___/_____ e residente in __________________________________________________(____), via/piazza ______________________________ n. ____;

Allega: atto di assenso del proprietario dell’area;

oppure

CONCESSIONE DEL SUOLO PUBBLICO

Il Responsabile del V Settore “Gestione del Patrimonio”, vista la comunicazione che precede, autorizza l’occupazione del suolo pubblico per come richiesto dal Sig. ____________________________________ e in ottemperanza all’Ordinanza sindacale n. 02/2023 del 11/01/2023.

Il Responsabile del V Settore

========================================================

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL’ATTO DI NOTORIETA’

(Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

Consapevole che la falsa dichiarazione comporta responsabilità e sanzioni civili e penali ai sensi dell’art. 76 D.P.R. n. 445/2000, ai sensi dell’art. 3, comma 7, della Legge 13 Agosto 2010, n. 136, dichiara che verranno rispettate le prescrizioni di cui all’Ordinanza sindacale N. 02/2023 del 11/01/2023

Allega copia documento d’identità.

San Nicandro Garganico, ______________                                  Il referente del falò