REUNION, ARTISTI LOCALI E INDIPENDENTI UN MONDO DA SCOPRIRE

0
51

Individuare nuovi modelli di intesa e confronto, valutare il contributo e l’impatto positivo sulle città, definire una visione di valorizzazione dell’artista e autore lontana da cliché massmediatici, che ridisegni il rapporto col territorio, sono questi alcuni degli obiettivi di “REUNION, ARTISTI LOCALI E INDIPENDENTI – Un mondo da scoprire, valore per ogni terra”, incontro con dibattito aperto sul ruolo degli artisti ed autori e sul contributo dato ad ogni cittadina, che si terrà lunedì 6 maggio 2024 dalle ore 20,00, presso LA GALLERIA D’ARTE – IL MAGAZZINO BIANCO, di San Severo.

 Durante l’incontro, che accoglierà artisti ed autori, come il pubblico, interverranno: Nazario Tartaglione, cantautore ed autore de Il Manifesto dell’Artista Locale, Lello Minchillo, musicista e pittore, Luigi de Nisi, registra teatrale e scenografo, Simona Regina, cantautrice. Darà il suo contributo con video dedicato, il cantautore Mario Mucedola.

“Valorizzare una categoria alla quale si appartiene è una cosa naturale e alla fine inevitabile, ma non sempre facile, per la necessità di fare gruppo e individuare valori ed obiettivi condivisi. Il 6 maggio prima tappa alla Galleria d’Arte Il Magazzino Bianco, di “REUNION, per contribuire a mettere le basi di un cambiamento importante: accrescere la coscienza di categoria e la consapevolezza del proprio ruolo e valore sociale, proponendo modelli che sfuggano alle tipiche dinamiche massmediatiche e commerciali. Si terrà conto anche dei nuovi modi della comunicazione digitale territoriale, che permettono all’artista indipendente di essere molto più incidente che in passato nella vita pubblica. Tra le fonti di riflessione IL MANIFESTO DELL’ARTISTA LOCALE E INDIPENDENTE, probabilmente il primo documento del genere in Italia dedicato agli artisti ed autori di territorio” spiega Nazario Tartaglione, ideatore dell’iniziativa, ringraziando Lello Minchillo per l’ospitalità e la collaborazione.

 In un sistema sociale in cui a dominare sono modelli televisivi schiaccianti, divistici e finanziari, l’artista e autore indipendente deve scontrarsi con inconsapevolezza e pregiudizi che minano i meriti della propria attività, e oscurano il contributo che quotidianamente il settore offre ad ogni cittadina. Condizione che per di più ricade negativamente sulle relazioni nello stesso ambito artistico e culturale, spesso scontrose e frammentarie. Ristabilire i giusti meriti aiuterà non solo ad un miglior rapporto col pubblico e terzi, ma anche tra gli artisti ed autori stessi, finalmente considerati e ripagati per come meritano.

 Da qui un appuntamento per favorire incontro e dialogo, al fine di aumentare la consapevolezza sui propri meriti e diritti, ma anche sulle proprie responsabilità nel rapporto con le città, il pubblico, enti ed istituzioni, spesso minato da arcaiche conflittualità ed incomprensioni. Indispensabile una nuova visione dell’artista locale e indipendente, da maturare insieme e proporre al tessuto sociale.

Durante la serata si ricorderanno inoltre alcune delle tante attività svolte dal contesto artistico e culturale a favore di ogni cittadina, che pur essendo preziose vengono date per scontate, come la trasmissione dei saperi e la formazione nelle botteghe d’arte, la narrazione dei territori, la loro rappresentazione figurativa, fotografica e pittorica, l’interazione con enti ed istituzioni, l’interazione con le scuole, l’affiancamento della didattica tradizionale con le tecniche creative ed il pensiero ideativo ed intuivo, l’elaborazione e la valorizzazione della Lingua Madre, l’invenzione del Dialetto Artistico, il contributo al senso di identità territoriale, la custodia e l’aggiornamento della tradizione, l’avviamento alle arti e il contrasto al disagio sociale, l’arte terapia…

Attività spesso riconosciute dall’alto e persino contestualizzate in progetti regionali o nazionali, ma che faticano ad essere rispettate in loco.

Si parlerà quindi delle necessità di sviluppare una visione chiara e progettuale del proprio ruolo in relazione al territorio, riportando al centro la natura artistica, culturale, sociale, formativa, terapeutica, contemplativa e spirituale delle arti e della cultura.

 Vi aspettiamo per raccogliere idee e considerazioni, lunedì 6 maggio 2024, dalle ore 20,00, presso la Galleria D’arte Il Magazzino Bianco, in via Magenta n. 30 (nei pressi dell’asilo Trotta) a San Severo (Fg). Per informazioni tel. 339.388.27.80. Ingresso libero.