QUOTA 100? LA PAGHERANNO I GIOVANI

0
562

La riforma delle pensioni deve ancora essere scritta, ma il dibattito sul tema previdenziale è già vivo. Da una parte, il governo, che antepone le esigenze dei pensionandi alla tenuta strutturale dei conti. Dall’altro chi, come l’Inps o l’Ufficio parlamentare di bilancio, conti alla mano, cerca di assolvere il proprio compito istituzionale, mettendo in guardia sul costo che queste manovre silenziosamente impongono alle generazioni future. La novità principale in tema di previdenza riguarda quota 100, della quale sappiamo ancora poco. La legge di bilancio non contiene i dettagli della riforma e le dichiarazioni degli esponenti del governo non permettono un’analisi dettagliata. Le uniche certezze sono che al capitolo saranno destinati circa 7 miliardi l’anno, ma solamente per prossimi i due anni, e che la riforma permetterà il pensionamento anticipato per i lavoratori con almeno 62 anni di età e 38 di contributi. Al crescere dell’età, il requisito contributivo di 38 anni rimane fisso. Nonostante il fuorviante nome giornalistico, ereditato dall’ultima campagna elettorale leghista, non si tratterà dunque di un sistema di quote. I dettagli saranno probabilmente definiti in un apposito decreto entro la fine dell’anno.

La platea. Le numerose indiscrezioni e dichiarazioni pubbliche, ancorché contraddittorie, hanno comunque chiarito alcuni punti. L’anticipo riguarderà una platea di circa 475mila lavoratori, il 92 per cento dei quali contribuenti attivi, e permetterà in media un anticipo di 2 anni e mezzo. La richiesta sarà probabilmente possibile già da febbraio 2019 per i lavoratori del settore privato, mentre le finestre di uscita per i lavoratori della pubblica amministrazione saranno scaglionate per evitare esodi di massa. Il meccanismo penalizza le carriere discontinue, come tipicamente sono quelle delle lavoratrici madri. La platea potenziale è infatti composta da uomini per il 70 per cento circa.

Le coperture provengono da fonti una tantum e permetteranno l’anticipo solo per chi matura i requisiti nei prossimi due anni, lasciando in eredità ai successivi esecutivi il gravoso dilemma del rinnovo e delle sue coperture. Cosa accadrà dopo non è dato sapere. Il rischio, qualora la misura non dovesse essere prorogata, è di creare nette iniquità di trattamento anche tra lavoratori nati a pochi mesi di distanza.

Le penalizzazioni. Uno dei nodi principali che rimangono invece da sciogliere riguarda le penalizzazioni.
Matteo Salvini ha ribadito di recente che l’anticipo sarà possibile senza alcuna decurtazione dell’assegno. Tuttavia, una penalizzazione scaturirebbe automaticamente come conseguenza dei minori contributi versati per la parte contributiva e della più breve anzianità per la parte retributiva. Senza che la riforma imponga alcun taglio, gli automatismi previsti dalla normativa vigente comporterebbero decurtazioni medie del 5 per cento per un solo anno di anticipo e del 25 per cento in caso di anticipo di 4 anni. Pare inoltre che chi opterà per l’anticipo non potrà cumulare la pensione con altre fonti di reddito da lavoro: se si esclude la possibilità di proseguire l’attività lavorativa in nero, ciò rappresenterebbe un ulteriore disincentivo. È dunque probabile che le parole di Salvini si riferissero a eventuali penalizzazioni aggiuntive per tener conto del periodo più lungo in cui si percepirebbe l’assegno pensionistico.

Il problema del sistema misto. In un sistema pienamente contributivo, l’anticipo pensionistico non comporterebbe alcun costo di lungo periodo. Gli assegni sarebbero infatti calcolati in modo da garantire sempre la neutralità attuariale tra i contributi versati e la rendita spettante e, entro certi limiti, a chiunque sarebbe permesso di andare in pensione quando e come ritiene, senza alcun costo per la collettività. Perché, dunque, per quota 100 si prevedono costi ingenti, tanto da stanziare 7 miliardi? Il problema nasce dal fatto che in Italia vige – e vigerà ancora per decenni – un sistema misto. Per la totalità delle persone oggi interessate all’anticipo della pensione, l’assegno sarà infatti calcolato, per una parte più o meno corposa, con il sistema retributivo, decisamente più generoso di quello contributivo. In definitiva, l’anticipo è un regalo a pensionati che, al di là della retorica elettorale, già percepirebbero assegni più generosi di quelli che spetterebbero loro da logica attuariale. E ciò comporta un aumento del debito pensionistico. In più, poiché il “regalo” è finanziato a deficit, la manovra comporta un’ulteriore redistribuzione di ricchezza a spese dei più giovani, già depauperati da decenni di politiche miopi. Insomma, nulla di nuovo sul fronte previdenziale: le riforme delle pensioni negli anni continuano a oscillare tra chi crede che l’Italia si possa permettere un sistema previdenziale ancora più generoso – dimenticandosi i problemi del paese – e le successive odiatissime strette, necessarie per far quadrare i conti. Quota 100 e i suoi effetti sul debito pensionistico, insieme alle altre manovre a deficit del governo del cambiamento, assomigliano ai prodromi di una nuova fase di austerità fiscale. Magari non domani, ma certamente prima della mia pensione.

Simone Ferro