QUALE DESTINO PER L’U.D.T. DI SAN NICANDRO?

0
977

E’ stato un vanto ed un’eccellenza per San Nicandro l’U.D.T. (Unità di Degenza Territoriale) posizionata a fianco del poliambulatorio. Una struttura quasi sempre al completo che è stata sempre in crescita e che ha visto tantissimi pazienti alternarsi durante gli anni.

Ora, invece, di pazienti ce ne sono ben pochi e già da tempo si è cominciato a parlare di rischio di chiusura in considerazione del numero dei ricoveri che diminuiscono sempre di più. Ma quale la causa di tale decremento e dell’attuale situazione?

La principale causa è la carenza e mancanza di specialisti da utilizzare per i malati che sono tutti di un’età elevata e che avrebbero bisogno di servizi specifici che attualmente mancano nel nostro ambulatorio. Pare che gli stessi medici di base, proprio in virtù di queste carenze, non ne consigliano il ricovero. E’ come dire che è meglio che il paziente rimanga a casa.

Se non dovesse cambiare nulla circa l’assegnazione dei servizi specialistici al nostro poliambulatorio la prospettiva di una chiusura della struttura non sarebbe tanto campata in aria.

E allora servirebbe una fortissima presa di posizione da parte dell’amministrazione comunale di San Nicandro che ponga il problema della sanità locale a livello distrettuale e provinciale. Non si dimentichi che nella popolazione sannicandrese c’è una fortissima incidenza di persone che si inoltrano nella tarda età e, pertanto, occorrono in loco servizi specifici ed essenziali senza dei quali non ha senso la permanenza nella struttura.