PERCHE’ UNA MOSTRA DI OGGETTI E PARAMENTI SACRI A SAN NICANDRO ?

0
1248

I beni culturali di interesse religioso di proprietà della Chiesa, in tutte Ie sue varie articolazioni e organizzazioni storiche, sono la parte più cospicua del patrimonio artistico e storico dell’Italia, distribuita in ogni angolo del nostro territorio e custodita da preti e religiosi, che Ia detengono in ragione della loro missione. In molte parti della nostra penisola, durante l’anno, si organizzano mostre per la volontà di portare alla luce quello che è un patrimonio inestimabile figlio anche della devozione popolare.

Perché questa premessa? Perché non tutti sanno che alcune chiese di San Nicandro possiedono oggetti e paramenti sacri di notevole interesse storico e artistico. Per certo la nostra Chiesa del Carmine ha una dotazione di questi preziosi oggetti notevolissima, come anche la Chiesa di Santa Maria del Borgo.

Perché, allora, non allestire una mostra in una chiesa di San Nicandro proprio per far conoscere la bellezza e la raffinatezza orafa di calici, candelieri, croci astili, pissidi, e la preziosità dei tessuti delle dalmatiche, dei piviali ed altro ancora, una bellezza che ha avuto origine dalla fede e dal lavoro dell’intera comunità sannicandrese. Sarebbe una formidabile occasione per far emergere i valori della tradizione che sono alla base della devozione popolare, oltre che mettere in luce il patrimonio materiale ed immateriale che custodisce il nostro paese. La mostra deve avere l’obiettivo di raccontare un pezzo di storia delle chiese di San Nicandro con “oggetti” che appartengono alla produzione artistica e manifatturiera del passato.

Il nostro territorio è ricco di tante opportunità e ricchezze ma occorre una programmazione culturale di ampio respiro affinchè, passo dopo passo, diventi punto di attenzione nell’intera Capitanata coniugando tradizione e modernità per l’intero anno. (fotoweb)

 

Invia una risposta