FAMILY FRIENDLY IALF, INCENTIVI PER LA OCCUPAZIONE FEMMINILE

0
279

L’occupabilità delle donne e la partecipazione femminile al mondo del lavoro si incentivano attraverso la conoscenza e la promozione del welfare sussidiario nelle aziende. Un’opportunità sempre più utilizzata anche dalle aziende di piccole dimensioni.

È stato presentato alle imprese pugliesi giovedì 9 giugno, presso l’auditorium della Camera di Commercio di Foggia, il progetto ‘IALF – In Armonia Lavoro e Famiglia’ realizzato da Ebiten (Ente bilaterale del terziario) e Regione Puglia.

Il progetto è stato ideato con lo scopo di diffondere nel bacino locale delle Pmi gli obbiettivi e gli strumenti del bando regionale ‘Misure di promozione del welfare aziendale e di nuove forme di organizzazione del lavoro family friendly’. Un pacchetto di azioni che riguardano i temi strategici della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e della flessibilità oraria.

Un contesto operativo nel quale interviene anche il fondo interprofessionale Formazienda con lo scopo di sostenere iniziative nell’ambito della formazione. L’appuntamento di Foggia segue l’evento di lancio a Bari e la tappa a Lecce. L’ultimo evento è in programma a Taranto il 22 settembre. Sono già attivi i due sportelli informativi finalizzati ad informare le imprese in merito alle iniziative regionali. Uno si trova a Lecce in piazzale Sondrio 10 e l’altro a Bari in via Napoli 329/E.

Ebiten è l’ente bilaterale istituito da Sistema Impresa, Confsal, Confsal Fisals e Fesica Confsal. Attualmente sono 5mila le aziende aderenti per oltre 35mila lavoratori dipendenti. Durante l’incontro si sono succeduti diversi interventi.

Ha aperto i lavori il presidente nazionale dell’ente bilaterale, Domenico Orabona, ed è intervenuta per i saluti istituzionali Rosa Barone, assessore regionale al welfare. Era presente anche Silvia Pellegrini, direttrice del dipartimento regionale politiche del lavoro.

Rosa Barone: “Regione Puglia da tempo promuove ed incentiva forme di welfare aziendale. Per accrescere la competitività delle imprese occorre prevedere misure volte a migliorare il benessere dei lavoratori. Occorre uno sforzo comune, capace di coinvolgere attori pubblici e privati, per diffondere la cultura del welfare e delle pari opportunità all’interno del sistema produttivo territoriale. La vera sfida per tutti deve essere il lavoro”.

Domenico Orabona, presidente di Ebiten: “Tra le missioni di Ebiten c’è la promozione delle buone prassi in tema di welfare sussidiario. Un compito che ci affidano le parti sociali per incrementare il benessere dei lavoratori e la competitività delle imprese aderenti. La qualità del lavoro e i vantaggi del welfare aziendale rappresentano un obiettivo che dobbiamo perseguire. Un’azione necessaria se vogliamo contrastare il fenomeno del bornout che sta caratterizzando questo particolare momento storico e se vogliamo attivare una vera ripartenza economica del Paese”.

Sono intervenuti anche Matteo Pariscenti, direttore generale di Ebiten; Rossella Spada, direttore generale del Fondo Formazienda; Cesare Damiano, già ministro del lavoro, che ha partecipato da remoto evidenziando l’importanza delle tematiche del welfare nella contrattazione di secondo livello; Fabiano Gerevini, presidente di CAT che ha portato un esempio concreto di welfare applicato all’azienda; Giacomo Cuonzo, delegato Sistema Impresa Puglia; Eleonora Di Bari, coordinatore commissione paritetica bilaterale; Milena Rizzo, capo dipartimento politiche sociali di Sistema Impresa.