CONTROLLI SERRATI DEI CARABINIERI CONTRO LA “MOVIDA VIOLENTA”. OPERAZIONE “FERRAGOSTO SICURO”

0
364

Anche quest’estate 2022, purtroppo, non sono mancati incresciosi episodi di violenza lungo le aree costiere della provincia di Foggia. Diversi infatti gli interventi effettuati dai militari dell’Arma a seguito di aggressioni o intemperanze, quasi sempre scoppiati a seguito di futili motivi, con sempre più protagonisti giovani ed anche giovanissimi. Su proposta dei Carabinieri sono state in particolare notificati, in queste ultime ore, diversi provvedimenti “DASPO” emessi dal Questore della provincia di Foggia, quale Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza.

In particolare, tali misure afflittive personali di pubblica sicurezza si sono rese necessarie a seguito di alcuni episodi di “Movida violenta” o comunque di intollerabili aggressioni che hanno messo a serio rischio la privata e la pubblica incolumità:

A Manfredonia (FG): era da poco passata la mezzanotte di sabato scorso quanto due Carabinieri, intenti in quel momento a perlustrare il centro cittadino in chiave preventiva, al fine così di contrastare tutte quelle forme di illegalità per garantire un fine settimana in sicurezza a tutti i residenti e turisti, nel transitare sul lungomare, in loc. Acqua di Cristo, sono stati attirati da delle urla provenienti dalla vicina scogliera. Gli stessi sono quindi immediatamente intervenuti sedando con non poche difficoltà una rissa tra tre giovani che, alla vista del personale in divisa, hanno continuato ad aggredirsi e specificatamente a colpirsi con calci e pugni, alcuni dei quali sferrati anche nei confronti dei militari intervenuti in soccorso. Una volta interrotta la rissa e prestati quindi i primi soccorsi ai feriti, dopo aver riportato la calma, i tre soggetti coinvolti sono stati accompagnati presso gli uffici del Comando Compagnia Carabinieri, dove sono stati identificati, accertando così che erano tutti minorenni, non di Manfredonia tra l’altro. I Carabinieri sono quindi riusciti a ricostruire le fasi dell’accaduto ed in particolare riscontrare che la rissa rilevata era iniziata proprio sulla scogliera per futili motivi. In relazione a tutto ciò, nei giorni successivi, i tre giovanissimi sono stati conseguentemente raggiunti dalla misura di prevenzione del “Daspo Willy”, che li obbligherà, per un lungo periodo, a non potersi più recare nei luoghi dove si è verificato l’accaduto, né tantomeno stazionare a ridosso dello stesso, pena l’arresto da sei mesi a due anni e la multa da 8.000 a 20.000 euro.

Si ricorda inoltre che, sempre a Manfredonia, durante l’ultima decade dello scorso mese di giugno, i Carabinieri erano intervenuti nei pressi di un noto bar presente nel centro abitato, dove anche in questo caso si era scatenata una violenta rissa tra giovani, qualcuno anche minorenne. Anche in quella occasione, grazie alle repentine e serrate indagini svolte dai militari dell’Arma, attraverso in particolare la visione delle telecamere di sicurezza e raccogliendo le dichiarazioni dei presenti, la risposta è arrivata in breve tempo, identificando difatti tutti i soggetti coinvolti. I giovani deferiti, a seguito di tale evento, erano stati parimenti sottoposti alla misura di prevenzione in riferimento, con l’inibizione altresì di non poter frequentare il luogo teatro dell’evento per alcuni anni; in quella circostanza anche l’esercizio pubblico interessato dall’evento è rimasto chiuso per diversi giorni.

A Ischitella (FG): i Carabinieri della Compagnia di Vico del Gargano hanno notificato invece due “DASPO” a due soggetti, padre e figlio, recentemente protagonisti, a loro volta, di una rissa avvenuta all’interno di un locale di tale cittadina turistica, che ha visto coinvolto anche un altro avventore di tale esercizio. Anche in questo caso, attraverso tale provvedimento emesso dal Questore di Foggia attraverso le relative prerogative di Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza è stato vietato ai due congiunti l’accesso ai Bar, agli esercizi pubblici e ai locali di pubblico intrattenimento siti in Centro a Ischitella, per la durata di anni uno, pena l’arresto da sei mesi a due anni e la multa da 8.000 a 20.000 euro, il tutto sempre con la finalità pubblica di una necessaria ed urgente risposta in termini di sicurezza che possa evitare la reiterazione di condotte analoghe che mettono in concreto pericolo la vita sociale dei luoghi di ritrovo cittadino.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia, supportati altresì dai Reparti speciali dell’Arma dei Carabinieri, continueranno anche nei prossimi giorni, ed in particolare nei fine settimana, ad intensificare i controlli per continuare così a garantire in questo modo un’estate 2022 “sicura”, sia ai residenti che ai numerosi turisti presenti in questo periodo dell’anno. La guardia resterà quindi alta.