CONCORSI PER 967 FUNZIONARI ALL’INPS

0
564

Il nuovo concorso dell’Inps è destinato all’assunzione di ben 967 nuovi funzionari. La figura ricercata è quella di “consulente protezione sociale” nel ruolo di personale area C, posizione economica C1. Si potrà presentare domanda di ammissione al concorso in modo esclusivamente telematico fino alle ore 16 del 28 maggio. L’ente dichiara nel bando che se ci sarà un numero di domande superiore alle 10mila sarà effettuata una prova pre-selettiva a risposta multipla.

I test saranno a carattere psicoattitudinale, logico e spazieranno anche in competenze di lingua inglese, competenze informatiche e cultura generale. Il concorso è aperto a candidati laureati ma sono tante le tipologie di lauree con cui si potrà partecipare.

Sede, ora e luogo delle prove e dell’eventuale preselezione saranno comunicati mediante pubblicazione sul sito dell’Inps, nella sezione “Avvisi, bandi e fatturazione”, alla voce “Concorsi” e sulla Gazzetta Ufficiale – IV Serie speciale “Concorsi ed esami” del 5 giugno 2018, pubblicazione che avverrà almeno 15 giorni prima del loro svolgimento.

I requisiti richiesti per partecipare al concorso. Alla procedura selettiva di cui al presente bando possono partecipare coloro che, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, sono in possesso dei requisiti sotto indicati:

  1. a) laurea magistrale/specialistica (LM/LS) in una delle seguenti discipline: finanza (LM-16 o 19/S), ingegneria gestionale (LM-31 o 34/S), relazioni internazionali (LM-52 o 60/S), scienze dell’economia (LM-56 o 64/S), scienze della politica (LM-62 o 70/S), scienze delle pubbliche amministrazioni (LM-63 o 71/S), scienze economiche per l’ambiente e la cultura (LM-76 o 83/S), scienze economico-aziendali (LM-77 o 84/S), scienze per la cooperazione allo sviluppo (LM-81 o 88/S), scienze statistiche (LM-82), metodi per l’analisi valutativa dei sistemi complessi (48/S), statistica demografica e sociale (90/S statistica economica finanziaria ed attuariale (91/S), statistica per la ricerca sperimentale (92/S), scienze statistiche attuariali e finanziarie (LM-83), servizio sociale e politiche sociali (LM-87), programmazione e gestione delle
    politiche e dei servizi sociali (57/S), sociologia e ricerca sociale (LM-88), sociologia (89/S), metodi per la ricerca empirica nelle scienze sociali (49/S), studi europei (LM-90 o 99/S), giurisprudenza (LMG-01 o 22/S), teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica (102/S) ovvero diploma di laurea (DL)  secondo il “vecchio ordinamento” corrispondente ad una delle predette lauree magistrali ai sensi del decreto 9 luglio 2009 del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca;
  2. b) cittadinanza italiana ovvero cittadinanza di uno degli stati membri dell’Unione europea ovvero appartenenza a una delle tipologie previste dall’art. 38 decreto legislativo n. 165/2001;
  3. c) non essere stato destituito, dispensato o licenziato dall’impiego presso una pubblica amministrazione e di non essere stato dichiarato decaduto da altro impiego pubblico, ne’ di essere stato interdetto dai pubblici uffici ai sensi della vigente normativa in materia;
  4. d) non aver riportato condanne penali, ancorchè non passate in giudicato ovvero di aver riportato condanne penali (anche se sia stata concessa amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale, applicazione della pena su richiesta ai sensi dell’art. 444 c.p.p.), specificandone la tipologia, o avere procedimenti penali pendenti, specificandone la tipologia;
  5. e) posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari per i concorrenti di sesso maschile nati prima dell’anno 1986;
  6. f) godimento dei diritti politici e civili;
  7. g) idoneità fisica all’impiego.

In ogni momento della procedura l’Istituto si riserva la facoltà di procedere, con atto motivato – da comunicarsi mediante PEC ovvero mediante raccomandata A.R. all’indirizzo indicato nella domanda di
partecipazione – all’esclusione dei candidati che non siano in possesso dei requisiti di ammissione previsti dal presente bando o che siano destinatari di sentenze penali di condanna ancorchè non passate in giudicato.