AUMENTANO LE INDENNITA’ DI SINDACI E CONSIGLIERI COMUNALI

0
295

La legge di bilancio 2022 approvata in via definitiva dal Parlamento il 29 dicembre 2021, prevede un incremento delle indennità di funzione dei Sindaci dei Comuni capoluogo sede di città metropolitana e dei Sindaci dei Comuni delle Regioni a statuto ordinario in una misura percentuale, proporzionata alla popolazione, al trattamento economico complessivo dei Presidenti delle Regioni (attualmente pari a 13.800 euro lordi mensili).
Anche le indennità di funzione di Vicesindaci, Assessori e Presidenti dei Consigli comunali saranno adeguate alle indennità di funzione dei corrispondenti Sindaci con l’applicazione delle percentuali vigenti nel DM 119/2000.
Si ricorda che l’ammontare di tali indennità è attualmente proporzionale a quella dei Sindaci, in una misura che varia in rapporto alla classe demografica dell’ente locale: dal 15 al 75% per il Vicesindaco, dal 10 al 65% per gli Assessori, dal 5 al 10% per il Presidente del Consiglio comunale per i comuni fino a 15.000 abitanti mentre per quelli con popolazione superiore è corrisposta un’indennità mensile di funzione pari a quella degli assessori dei Comuni della stessa classe demografica.

Queste le percentuali da applicare che tengono conto della popolazione residente:

  1. 100 per cento per i sindaci metropolitani;
  2. 80 per cento per i sindaci dei comuni capoluogo di regione e per i sindaci dei comuni capoluogo di provincia con popolazione superiore a 100.000 abitanti;
  3. 70 per cento per i sindaci dei comuni capoluogo di provincia con popolazione fino a 100.000 abitanti;
  4. 45 per cento per i sindaci dei comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti;
  5. 35 per cento per i sindaci dei comuni con popolazione da 30.001 a 50.000 abitanti;
  6. 30 per cento per i sindaci dei comuni con popolazione da 10.001 a 30.000 abitanti;
  7. 29 per cento per i sindaci dei comuni con popolazione da 5.001 a 10.000 abitanti;
  8. 22 per cento per i sindaci dei comuni con popolazione da 3.001 a 5.000 abitanti;
  9. 16 per cento per i sindaci comuni con popolazione fino a 3.000 abitanti

L’applicazione delle misure delle indennità negli importi derivanti dal nuovo assetto normativo è effettuata direttamente dal dirigente responsabile competente, mediante l’adozione di propria determinazione dato che si tratta di dare mera attuazione ad una disposizione di legge.

Dunque, per le percentuali del 45% e del 68% rispettivamente nel 2022 e nel 2023 di adeguamento delle nuove indennità previste a regime è sufficiente accertare tale spesa nel bilancio di previsione e successivamente impegnarla con una determina dirigenziale.