ANCHE IO, COME IL COLIBRI’ FACCIO LA MIA PARTE PER LA MIA GENTE…ADDA PASSA’ A NUTTATA

0
975

Egregio Direttore,

durante questo nefasto periodo in cui siamo attaccati, anzi, aggrediti da questo mortale e silente batterio di cui non sappiamo ancora come e in che modo difenderci, voglio dare anche io, nel mio piccolo, il mio piccolo contributo per cercare di aiutare qualcuno che soffre ancora perché scampato a morte certa. Virus che ghermisce noi tutti, incolpevoli vittime, come brigante al passo, senza un preavviso, senza un perché e sparando nel mucchio all’ impazzata, ci chiede in cambio un esosissimo riscatto e, a volte, perfino, la vita: il massimo dei beni di cui siamo inconsapevolmente padroni pro tempore.

Allora ho pensato alla caducità della nostra vita su questo bel pianeta, che ci vede, sempre in mille faccende affaccendati, quasi come il vecchierel” dell’idillio leopardiano del: “Canto notturno del pastore errante dell’Asia” che si affannava, correva senza sosta e senza sapere dove, arrivando, infine, all’ ”Abisso orrido, immenso, Ov’ei precipitando, il tutto obblia”.

Infatti, noi umani, figli del nostro tempo, CORRIAMO… SOGNIAMO… AMIAMO… ODIAMO… PIANGIAMO… RIDIAMO… ATTRAVERSIAMO BOSCHI, LAGHI E MARI…A VOLTE DORMIAMO PERFINO PER TERRA, CON UNA COPERTA CHE E’ IL CIELO DI STELLE DEL SOPRAMONTE DEL “MIO GARGANO”  E CON UN LAMPIONE ETERNO CHE CI ILLUMINA LA NOTTE…LA LUNA!!

Poi, incontriamo gente nostra genuina e generosa, o con personalità istituzionali, lottiamo contro i mulini a vento per difendere un sogno segreto in cui crediamo, raggiungere una meta e poi? Basta un invisibile virus che mette tutto e tutti in discussione. Virus che potrebbe far crollare tutti i nostri sogni e programmi, in un attimo, perché pensavamo di essere immortali, oppure: “tanto a me non tocca“! Allora di fronte a questo momento che viviamo, non dei più felici per la nostra storia su questo bel pianeta, mi sento anche io responsabile e voglio fare la mia parte e qualsiasi altra che mi sarà richiesta in questo particolare momento, proprio come il piccolo colibrì che cercava disperatamente di fare la sua parte durante un incendio nella foresta, con la sua piccola goccia d’acqua e cercare di sedare l’incendio. Prendendo esempio, quindi, non da grandi proclami, perché, oggi, vediamo che c’è molta buona volontà ma tanta impreparazione, ma dal piccolo uccello della foresta amazzonica, anche io voglio fare la mia parte.

Ho voluto mettere a disposizione GRATUITAMENTE di coloro i quali sono convalescenti dal COVID 19 ed hanno bisogno di serenità, aria pulita e con percorsi benessere, la mia Tenuta di Montenero, dove l’aria è la più pulita d’Europa. Solo per poter dare un’iniezione di fiducia a tanta gente a far sentire che il principio della sussidiarietà esiste ancora fra alcuni di noi esseri umani e che non è sola (e penso anche ai medici, infermieri, personale assistenziale, volontari, ecc)… E a tutti dico: “Riscopriamo i valori dell’amicizia, dell’altruismo e del rispetto e se avremo capito questa “ennesima lezione”, forse, ci riscopriremo anche un tantino più buoni. ALLORA QUESTA VOLTA NON PARLO DI POLITICA, AMBIENTE O ALTRO…QUESTA VOLTA PARLO IN DIFESA DELL’UOMO METTENDOCI LA FACCIA E DICO CHE TUTTI INSIEME CE LA FAREMO E TORNEREMO AD ABBRACCIARCI, SALUTARCI STRINGENDOCI LA MANO…E INTANTO DICO A TUTTI CHE DOMANI IL SOLE SORGE ANCORA E GRIDEREMO TUTTI FORTE FORTE: EVVIVA LA VITA   E GRIDANDO A TUTTI UNA FRASE CHE E’ LA FRASE TIPICA DELLA NOSTRA SAGGEZZA DI GENTE DEL SUD E DEL GARGANO. “ADDA PASSA’ A NUTTATA”…

 

Con la stima di sempre

On. Nino Marinacci