0
366

Inviata in data 30 dicembre 2015, la lettera del Presidente Francesco Miglio, all’On. Dario Franceschini Ministro per i Beni Culturali e al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Nella lettera, il Presidente esprime una certa preoccupazione per il ritardo e le difficoltà con cui la Regione Puglia sta procedendo all’attuazione della propria legge n. 31 del 2015. Premesso che la legge di riforma n. 56 del 7 aprile 2014, avendo inizialmente espunto le attività culturali dalle funzioni fondamentali della Provincia, ha significato per la Provincia di Foggia la perdita della prestigiosa Biblioteca Provinciale anche come Polo SBN di Foggia, su cui gravitano 62 biblioteche pubbliche e private. A rendere più complessa l’intera situazione sono intervenute da un verso le disposizioni finanziarie contenute nella legge di stabilità del 2015 che hanno fatto obbligo, alle Province di ridimensionare i propri organici sul 50% della spesa consolidata in tale materia e dall’altro il D.M. 14 settembre 2015 che ha individuato i tempi e le scadenze entro cui le Regioni avrebbero dovuto collocare nei propri ruoli il personale assegnato alle funzioni ex provinciali a loro trasferite.

Al di là della complessità dell’intera vicenda si è determinata una evidente sfasatura fra i tempi di definizione e di passaggio delle funzioni ed il percorso di mobilità individuale dei singoli dipendenti che svolgono quelle funzioni, ma che tecnicamente sono stati collocati in esubero; questi ritardi stanno determinando apprensioni fra i lavoratori e soprattutto incertezza per le funzioni trasferite, riverberandosi essenzialmente sulla continuità e la qualità dei servizi erogati. La volontà espressa a tutti i livelli (da quello comunale fino a quello ministeriale) di salvaguardare questa eccellenza, così come il percorso prospettato di recente dalla Regione, che vuole conservare I’integrità delle biblioteche ex provinciali, e segnatamente quella di Foggia, si scontrano oggettivamente con l’indisponibilità di posti nella propria dotazione organica.

Conclude Miglio: intravedo la possibilità di trovare una soluzione condivisa in grado di salvaguardare l’intero comparto della cultura, mi permetto di avanzare alle SS.LL. la proposta di in incontro urgente nei prossimi giorni, magari qui a Foggia per verificare la tenuta della nostra proposta.