EDITORIALE DELLA DOMENICA, GLI EVENTI CITTADINI COME FONTE DI SVILUPPO TURISTICO

“UNIONE CATTOLICA”: “SIAMO IL PARTITO DEI VESCOVI E DELLA CHIESA CATTOLICA ITALIANA”
25 Novembre 2018
GIOVANISSIMA COPPIA SPACCIAVA HASHISH CON IL BIMBO IN BRACCIO
26 Novembre 2018
Mostra tutti

Tra dieci giorni ci sarà l’avvio dei festeggiamenti del periodo natalizio con “Aspettando Natale” ed, a seguire, “Il Villaggio di Babbo Natale”, oltre ad altri eventi che termineranno il giorno della Epifania. Tutto ciò rappresenta un’importante occasione per interrogarci sul ruolo che la “l’evento”, in generale, riveste per lo sviluppo turistico di una città. Ogni manifestazione importante, e quindi non quella occasionale, deve essere in grado di catalizzare l’interesse di una moltitudine di gente almeno dei comuni viciniori, oppure rappresenta un evento finalizzato solo per i sannicandresi.

Ecco perché appare prioritario procedere lungo due linee di intervento: da un lato, allestire un “Osservatorio sul Turismo” che, attraverso un monitoraggio dei dati oggettivi, permetta all’amministrazione comunale ed agli operatori di comprendere analiticamente il fenomeno di quella specifica manifestazione, stimando prima e valutando poi l’impatto economico – sociale che l’evento è in grado di generare.

Dall’altro, è indispensabile aprire una profonda riflessione sul ruolo che le varie iniziative messe in campo possono svolgere in ambito turistico. Si tratterebbe, in questo caso, di avviare un confronto con i diversi portatori di interessi locali, per costruire un sistema strutturato di promozione e di offerta in grado di valorizzare appieno il possibile grande potenziale che il turismo legato, per esempio alla festa patronale, agli eventi estivi e natalizi, allo sport o altro, rappresenta per San Nicandro, non solo durante i giorni delle varie manifestazioni ma su un arco temporale più ampio.

Ecco che torna sempre in campo l’opportunità e l’utilità di un discorso di programmazione per la valorizzazione del territorio interrogandosi su tutti gli eventi messi in cantiere che si vogliono realizzare. Tale programmazione consentirebbe all’amministrazione comunale di conoscere in anticipo i costi a cui sarebbe chiamata poi alla compartecipazione e destinare le risorse in apposito capitolo di bilancio. Se non si procede con gradualità al rispetto di queste fasi, il rischio è quello di continuare una navigazione a vista senza convincersi che ogni evento rappresenta solo una occasione perduta.

Il Direttore

Comments are closed.