LE PRO LOCO DISTRETTO GARGANO ELEGGONO IL DELEGATO NEL CONSIGLIO REGIONALE

0
539

L’assemblea delle Pro Loco del Gargano che si è tenuta il 17 luglio scorso, ha eletto all’unanimità il suo delegato. E’ Francesco Schiavone di Manfredonia che rappresenterà il territorio nel consiglio regionale delle Pro Loco di Puglia, nel quadriennio 2020 – 2024.

L’assemblea delle Pro Loco del distretto Gargano si è confrontata sulle attività di accoglienza e di animazione del territorio da organizzare nel prossimo futuro, in collaborazione con i comuni e gli enti sovra comunali presenti sul territorio.

La delegazione del Gargano è costituita dalle Pro Loco di Borgo Celano, Cagnano Varano, Carpino, Ischitella, Isole Tremiti, Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Rodi Garganico, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, San Menaio e Calenella, San Nicandro Garganico, Vico del Gargano, Vieste e Zapponeta

Il Gargano c’è ed è unito. La delegazione delle Pro Loco del Gargano assume rilevante importanza, perchè è un organismo snello e operativo capace di connettere tra loro ogni singola Pro Loco, con l’obiettivo di favorire la promozione territoriale attraverso una visione più ampia.

Questo il primo commento di Schiavone: “E’ straordinario il risultato che abbiamo raggiunto perché era fondamentale trovare una larga intesa sul nominativo da eleggere in seno al consiglio regionale dell’UNPLI Puglia. Questa volta ci siamo superati raggiungendo addirittura l’unanimità del consenso. Ringrazio l’assemblea per la fiducia accordatami, lavoreremo con la consapevolezza che ci aspetta un percorso entusiasmante durante il quale dobbiamo dimostrare di essere al passo con gli altri, per capacità di progettazione e visione d’insieme. Il territorio ha bisogno di questa energia per crescere e rilanciarsi nei segmenti più importanti del turismo internazionale. La sfida che si prospetta è stimolante, bisogna rinnovare il nostro modo di operare sul territorio studiando nuove forme sia di accoglienza che di promozione del territorio e valorizzare gli attrattori culturali che, insieme ai nostri prodotti tipici, rappresentano il vero tesoro del Gargano.