ITALIA VIVA: MARINACCI E’ L’UOMO GIUSTO COME SINDACO DI SAN NICANDRO

0
843

Il coordinamento di Italia Viva nell’approssimarsi delle elezioni amministrative di San Nicandro Garganico ha individuato nella figura dell’Onorevole Nicandro Marinacci l’uomo giusto da sostenere quale candidato sindaco della ns. città.

La scelta di campo, area di centro, scaturisce da tutta una serie di considerazioni quanto mai opportune e politicamente corrette vista la comunità cittadina. L’On. Marinacci da sempre è uomo moderato di centro ora CDU ma che in questa fase politica cittadina particolare ha raccolto il consenso allargato di Forza Italia della Lega ed anche di Fratelli d’Italia.

A nostro modo di vedere oggi l’On. Marinacci rappresenta il “ Draghi” per San Nicandro dove tutta una serie di vicissitudini hanno visto la coalizione di centro destra fallire in amministrazione tanto da provocare le dimissioni congiunte di 9 consiglieri comunali e consegnare la città al commissario prefettizio a pochi mesi dalle elezioni amm.ve.

Non è poco se si pensa che fra i consiglieri dimessi ci sono 2 consiglieri di Fratelli d’Italia di maggioranza, 2 di Forza Italia ex maggioranza, 3 del PD e due civiche di opposizione.

Il coordinamento di Italia Viva ha fatto sempre opposizione all’amm.ne di centro destra uscente a partire da dall’anno scorso dove alle regionali 2020 ha sostenuto l’On. Scalfarotto contro tutto il centro sinistra. Ma il segno della storia di Italia Viva non consente un facile rapporto con il PD e M5S che si sono arroccati nella loro convinzione di essere i migliori della classe.  Le forze moderate numerose a San Nicandro guidate dal CDU, rimaste all’opposizione in amm.ne, oggi consentono un dialogo con tutti i cittadini che mettono in conto l’interesse prioritario della nostra comunità rispetto ad una scelta di campo inopportuna. Il nostro è un comune di circa 14.000 abitanti dove per una sorte di incomprensibili conteggi ISTAT ci vede costretti ad andare al voto con il sistema del ballottaggio e quindi con le liste come se fossimo a Roma o Milano, cosa assurda, era meglio il maggioritario che avrebbe evitato il doppio turno e il moltiplicarsi di liste civiche dove il numero eccessivo dei candidati squalifica giocoforza l’idea di appartenenza.

L’On. Marinacci è l’uomo giusto al posto giusto che ha dato prova della sua capacità di sindaco nel passato a favore dei sannicandresi con la realizzazione di grandi opere pur in un momento di crisi economica (il presidio sanitario, la metanizzazione, il depuratore, la pubblica illuminazione via Torre Mileto, il Parco Monte D’Elio ecc..) avremo modo di elencare in campagna elettorale tutto quello fatto e quello che grazie anche al famoso recovery plan potremo ancora fare per la ns. città. Per noi oggi l’On. Marinacci rappresenta il “Draghi” della situazione politica e amministrativa.

Circa le sue vicissitudini legali è il caso di dire che oggi, più di prima, in molti si sono resi conto delle difficoltà e dei rischi che un sindaco corre tutti i giorni nello svolgere sue funzioni amm.ve. L’On. Marinacci voleva dotare la città di un ambulatorio veterinario per dare un servizio obbligatorio ai tanti pastori ed allevatori paesani, un luogo che fisicamente non esisteva ne era nelle disponibilità patrimoniali dell’amministrazione. Un luogo privato già utilizzato in precedenza dall’amm.ne come ufficio anagrafe finito devastato da un incendio. Un luogo al centro del paese dove a parere dei dottori veterinari pubblici risultava idoneo a tale scopo. Questo, personalmente lo posso dire e certificare come ho fatto ai giudici in quanto all’epoca ero responsabile del settore tecnico comunale e mi sono occupato di eseguire il progetto e tutti i lavori per la realizzazione delle opere interne del laboratorio veterinario. Penso che nulla di scandaloso sia stato commesso, era tutto impostato per dare alla città un servizio veterinario necessario e obbligatorio, ma le cose hanno preso, per motivi ignoti, strade legali inaspettate e alquanto ingiuste a mio parere. Soprattutto quando penso alla miriade di uffici pubblici nazionali presi in affitto dai vari enti (INPS, Agenzia delle Entrate, Ministeri, Comuni ecc.) pagati a caro prezzo pur avendo questi enti patrimoni immobiliari di pregio e disponibili che magari tengono anche vuoti e liberi ma non si sa perchè preferiscono pagare affitti esosi e nessuno dice niente.

Su questo, qualora fosse necessario, potremo approfondire la questione legale, visto che alcuni avversari politici chiedono conto, magari coinvolgendo tutta la giunta di allora, visto che alcuni di loro pure condannati sono candidati nel centro sinistra. Potremo chiede allo stesso On. Marinacci (sempre disponibile) con i dettagli della lunga vita processuale con documenti, ma ora è il tempo della campagna elettorale, delle proposte e dei programmi utili per dare alla città un’amministrazione capace di realizzare tutto quello che merita il popolo di San Nicandro e l’On. Marinacci, come ha già dimostrato, è capace ed è all’altezza del compito che tutti noi gli affidiamo a partire da oggi senza alcuna riserva e con grande fiducia per il futuro di tutti.

Il Coord. Adelmo Marrocchella