IL PANCOTTO PER RACCONTARE L’ALTO TAVOLIERE

0
248

Nato come piatto di recupero, e spesso di sussistenza, il pancotto rappresenta oggi l’identità della cucina popolare e contadina. Pochi elementi di base – pane raffermo, erbe spontanee, patate e olio extravergine d’oliva – che si arricchiscono di elementi a seconda della zona dove viene preparato e della tradizione familiare a cui si fa riferimento. E quindi troviamo ceci e fagioli sull’Appennino Dauno, le fave a Carpino, o altri ortaggi in alcune zone del Tavoliere e del Gargano.

In definitiva, il pancotto – che ha tratti comuni con altri piatti di recupero italiano e mediterranei – rappresenta l’evoluzione continua della cultura popolare a tavola, una cucina semplice e sostenibile, che assume connotazioni differenti sia a livello territoriale che sociale.

Proprio il pancotto sarà protagonista di uno show cooking-evento a San Severo, sabato 13 maggio 2023, per la seconda tappa – dopo Chieuti – di “Divini Sapori”, il progetto che mette insieme sette comuni e il Gal Daunia Rurale, per promuovere il territorio, i borghi, la cultura e le eccellenze agroalimentari del vasto territorio dell’Alto Tavoliere.

A SAN SEVERO IL 13 MAGGIO. A San Severo, l’appuntamento è in programma sabato 13 maggio 2023, a partire dalle ore 10 (punto di ritrovo la Galleria d’Arte Moderna Luigi Schingo, Corso Giuseppe Garibaldi 9) con una passeggiata culturale alla scoperta del centro storico sanseverese. La visita sarà condotta dalla guida turistica Giuseppe Dell’Oglio. Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il 320.0372568. Alle ore 12, nella Galleria d’Arte Moderna Luigi Schingo, sarà inaugurata la mostra fotografica su “Riti e Tradizioni dell’Alto Tavoliere”. Dalle ore 20, in Piazza Tondi, la Palazzina Liberty-Info Point sarà ‘teatro’ della disfida del pancotto, uno spettacolare show cooking che metterà a confronto la chef locale Maria Pia Di Giuseppe con lo chef-influencer Dino Perrone. La sfida gastronomico-culinaria sarà condotta da Nick Difino, food reporter e conduttore televisivo. Accompagnamento musicale a cura di Nazario Tartaglione.

IL PANCOTTO DI SAN SEVERO. Uno degli elementi principe del pancotto sanseverese, naturalmente, è il grano duro che cresce rigoglioso nell’agro di San Severo e ne caratterizza cultura, tradizioni e paesaggio, con enormi distese dal colore cangiante a seconda del processo di maturazione del prezioso cereale. L’altro elemento imprescindibile è l’olio extravergine d’oliva. Anche in questo caso, con i tanti oliveti presenti non solo a San Severo ma in tutto l’Alto Tavoliere, la tradizione in cucina è diretta emanazione di un’antica e profonda vocazione produttiva agricola, che attualmente presenta rilevanti livelli d’innovazione nei moderni frantoi completamente digitalizzati. Il pane, l’olio, le erbe spontanee, in pratica ogni elemento del pancotto sanseverese è a km zero, a portata di mano, concreta e saporita declinazione di quella ‘sostenibilità’ tanto agognata in ogni settore del vivere.

DI CITTÀ IN CITTÀ. “Divini Sapori”, progetto che vede San Severo quale comune capofila, è finanziato dal Gal Daunia Rurale 2020, misura 4.4, ed è coordinato da Doc Servizi con la piena collaborazione di tutti gli attori istituzionali. Gusti e non solo, perché gli eventi offriranno anche l’incontro con la musica popolare, le visite guidate per conoscere paesaggi naturali e borghi, le mostre fotografiche che mettono insieme talento e narrazione del territorio. Tra eventi e press tour, fino al prossimo ottobre, “Divini Sapori” attraverserà paesi e città di tutto l’Alto Tavoliere: San Severo, Apricena, Chieuti, Poggio Imperiale, San Paolo Civitate, Serracapriola e Torremaggiore.