I “DIALOGHI FOGGIANI” DI ANGIOLA, SUPERATO IL PRIMO TEST

0
85

Molto partecipato il primo evento che si è svolto ieri seri alla Sala rosa del Palazzetto dell’Arte a Foggia, rientrante nel progetto dei “Dialoghi Foggiani”, organizzato dal movimento civico “Cambia”, dal titolo “Cambiamenti climatici, analisi delle cause e strategie risolutive”. Sul punto è intervenuto Nunzio Angiola, segretario provinciale di Cambia e consigliere comunale a Foggia.

“I cambiamenti climatici rappresentano una minaccia seria e preoccupante, una sfida molto complicata per l’umanità. Per primi a Foggia abbiamo aperto la discussione su questo tema. Sono intervenuti in qualità di relatori il docente ricercatore in scienze merceologiche Carlo Russo e Giovanni Costantino Lobasso gestore della pagina Clima&Scienza Foggia, nonché membro del GAD (Gruppo Astrofili Dauni), che hanno inquadrato in modo rigoroso, ma accessibile a tutti, la discussione sui cambiamenti climatici. In una sala affollata, mi ha fatto piacere la partecipazione del prof. Giuseppe Martino Nicoletti dell’Università di Foggia, del presidente del WWF Maurizio Marrese, intervenuti più volte,  e di stimati giornalisti come Domenico Carella, Gianluigi Cutillo e Nino Abate. Il poliedrico scrittore e cantautore Gioacchino Rosa Rosa ha arricchito con stimolanti sollecitazioni il dibattito”. Lo ha dichiarato Nunzio Angiola.

“Grande attenzione è stata riservata – ha proseguito Angiola – sulla necessità inderogabile di lasciare una eredità culturale ai cittadini, da portare a casa dopo l’incontro. I ‘Dialoghi foggiani’ sono nati per diffondere la conoscenza e creare consapevolezza. Ecco perché segnalo che sono emerse nel corso della discussione diverse pratiche sostenibili, da attuare in modo combinato da parte dei cittadini. Eccone alcune.

Uno degli aspetti fondamentali è la riduzione delle emissioni di carbonio. Questo può essere raggiunto limitando l’uso dell’automobile, preferendo i mezzi di trasporto pubblici, camminando o utilizzando la bicicletta. L’adozione di veicoli elettrici o ibridi rappresenta un’altra strategia efficace per ridurre l’impronta di carbonio legata ai trasporti.

Poi, il consumo responsabile svolge un ruolo cruciale. Scegliere prodotti locali e di stagione aiuta a ridurre le emissioni di CO2 dovute al trasporto di merci su lunghe distanze. È anche importante evitare sprechi alimentari, un altro fattore chiave nel contributo individuale alla riduzione dell’impatto ambientale.

L’efficienza energetica in casa è essenziale. Ciò include l’installazione di isolamento termico adeguato, l’uso di lampadine a basso consumo e l’acquisto di elettrodomestici che rispettano elevati standard di efficienza energetica. Spegnere gli apparecchi elettronici quando non sono in uso e monitorare i consumi energetici possono anche fare una grande differenza.

Il riciclo e il riutilizzo sono pratiche essenziali per ridurre la quantità di rifiuti e il consumo di nuove risorse. Implementare sistemi di compostaggio domestico per i rifiuti organici e preferire prodotti con imballaggi minimali o riciclabili sono passi concreti in questa direzione.

Adottare pratiche che riducano il consumo di acqua, come sistemi di raccolta delle acque piovane, dispositivi di risparmio idrico e l’irrigazione efficiente nei giardini.

Supportare politiche ambientali sostenibili è un altro aspetto critico. Votare per leader e politiche che prioritizzano il clima e sostenere iniziative locali per la sostenibilità possono amplificare l’effetto delle scelte individuali. Essere parte di gruppi di azione locale o campagne di sensibilizzazione può influenzare positivamente la comunità e promuovere un cambiamento più ampio.

Infine, l’educazione continua sulle questioni climatiche è vitale. Essere informati e condividere conoscenze su cause, effetti e soluzioni per il cambiamento climatico può ispirare altri a prendere azioni significative. Anche l’investimento in soluzioni sostenibili, come l’energia rinnovabile, può essere un potente motore di cambiamento”. “In sintesi, attraverso la combinazione di queste pratiche sostenibili, i cittadini possono svolgere un ruolo attivo e efficace nella lotta contro il cambiamento climatico, contribuendo così alla salvaguardia del pianeta e della nostra Foggia, per le generazioni future. Missione compiuta”, ha chiosato infine Angiola