EDITORIALE DELLA DOMENICA. VINCERE … E CONVINCERE

0
318

Ormai la competizione elettorale è finita e qualche considerazione è possibile fare sull’inizio del nuovo corso e sul suo futuro.

San Nicandro si trova in un momento cruciale della sua storia perché è il momento di giocare un ruolo importante con cambiamenti ed evoluzioni relazionali ed emozionali per andare oltre e per una crescita, di pari passo, culturale ed economica. Si deve andare oltre la “reclame” per incidere sulla vita reale dei cittadini.

Il passato non ritorna e i sondaggi sono stati buttati in un cassetto in quanto la competizione ha avuto il suo vincitore anche con il crollo delle ideologie in quanto si sono messi insieme valori ed idee per una immagine che ha convinto e che, quindi, ha vinto.

Ma, dopo aver vinto, c’è il momento della verità che è quello del “convincere” sulla credibilità di chi ha ricevuto il consenso elettorale perché vincere non sempre vuol dire convincere. San Nicandro attraversa una fase politica che è anche un momento di cambiamenti profondi e, perciò, bisogna fare in fretta e senza particolari attenzioni nei riguardi di nessuno. Tutti pensano che siamo arrivati all’ultima spiaggia e oltre c’è il vuoto. Per questa ragione tutti concordano sulla necessità di “cambiare verso”.

Tale convinzione parte dall’affidabilità degli impegni che si prendono, dalla limpidezza dei comportamenti, dalla coerenza delle scelte da fare e dalle modalità usate per giungere allo scopo. Convincere non significa sempre decisionismo o uno scarso ascolto delle parti in gioco e, anche se c’è l’urgenza amministrativa dei processi da mettere in atto, non è possibile giustificare forme di arroganza o di superficialità.

Un’altra considerazione, inoltre, va fatta sul “convincere” nel senso di un termine che deve significare “vincere insieme”, come un gioco di squadra nel senso che bisogna dare spazio a tutti gli apporti costruttivi che possano essere offerti al cambiamento e allo sviluppo, da qualunque parte provengano all’interno del consiglio comunale o dalla gente comune.

Si sa che i processi amministrativi sono lunghi ma se l’attuale coalizione che governa San Nicandro vuole vincere la scommessa del “convincere” e del suo futuro deve essere protagonista della sue più buone intenzioni per la qualità di quel cambiamento che tutti auspicano.

Il Direttore