EDITORIALE DELLA DOMENICA, “C’ERA UNA VOLTA SAN NICANDRO…” UNA ECCELLENZA CULTURALE

0
1412

Spesso si leggono libri di storia o vecchi articoli di giornali per conoscere il passato di una comunità. Poi coniughiamo la conoscenza di ciò che si è letto con la nostra immaginazione. Il passato lo si conosce in questo modo. Ma quando si vede una foto del nostro passato allora l’immaginazione sparisce in quanto si ha davanti quel momento storico che trasmette maggiori informazioni oltre, naturalmente, tanti ricordi per chi ha vissuto quel periodo lontano.

Per conoscere la storia di San Nicandro siamo in possesso di un patrimonio culturale da cui attingere momenti e informazioni della nostra cittadina che sono rappresentati dalla enorme documentazione fotografica di Vincenzo Flena che cura il sito web “C’era una volta San Nicandro…”.

Forse ancora non ci si rende conto dell’importanza della sua documentazione che si è arricchita con gli anni e che continua a crescere. Quando si vedono quelle foto si ha davanti documenti storici eccezionali che raccontano avvenimenti e persone che hanno fatto la storia affascinante della nostra cittadina raccontando emozioni e arricchendo la conoscenza del nostro passato.

Qualunque sia il soggetto delle foto di Flena esse rappresentano, di fatto, vita reale e non racconti scritti che possono contenere anche un po’ di fantasia dell’autore. La foto è la vita stessa di quel momento storico che può essere un momento felice ma anche doloroso ma che, entrambi, sono stati momenti di vita della nostra passata comunità.

Vecchi mestieri, volti scarni, paesaggi lontani, vita goliardica, personaggi importanti, personaggi anonimi che rappresentano comunque tanti tasselli di un lontano vissuto che diventa tradizione culturale di un mondo che non c’è più.

Flena ha nelle sue mani un vero e proprio museo della fotografia, non di quella conosciuta come “artistica”, ma di realtà vissute che fanno parte di una riconosciuta tradizione del mondo contadino, di un’epoca dove la povertà era quasi in ogni casa, di modi di vivere tanto diversi da quelli attuali, di abitudini che sono scomparse, di cucina e cibi dai sapori ormai oggi sconosciuti e di tant’altro ancora.

Flena, con il suo vastissimo archivio fotografico, ha dotato San Nicandro di una eccellenza culturale che, forse, non ha eguali in altre cittadine garganiche e che è messa quotidianamente a disposizione oltre che dai curiosi e gli appassionati di fotografia, soprattutto dai cultura della nostra tradizione e degli studiosi che si interessano della storia locale. Insomma un patrimonio da valorizzare che continua a crescere e che non appartiene solo alla nostra cittadina, ma a tutto il territorio garganico e provinciale. Solo grazie a queste memorie si possono conservare le tradizioni grazie alle quali la comunità cresce su un passato che non si deve mai dimenticare.

Il Direttore