DIVINI SAPORI, UNA SPLENDIDA SERATA A POGGIO IMPERIALE

0
233

“Siamo felici di aver aderito al progetto Divini Sapori e di avere accolto l’evento di domenica 8 ottobre che ha valorizzato le eccellenze produttive di Poggio Imperiale e dell’Alto Tavoliere. La manifestazione è stata partecipata e ricca di spunti interessanti per rafforzare le politiche di promozione e sostegno allo sviluppo di questo territorio”. A margine dell’appuntamento di domenica sera con “Divini Sapori” –  progetto finanziato dal Gal Daunia Rurale 2020 (misura 4.4), che vede San Severo nel ruolo di Comune capofila col coordinamento di Doc Servizi – il sindaco di Poggio Imperiale, Alfonso D’Aloiso, ha espresso la propria soddisfazione per lo show cooking che ha visto protagonista lo chef Giorgio Trovato (Il Giardino dei Tolomei). I prodotti del comparto agroalimentare di Poggio Imperiale sono stati utilizzati per mostrare al pubblico la loro duttilità e le proprietà che li rendono vere e proprie eccellenze della dieta mediterranea. Accanto allo chef, a condurre la serata, il narratore ufficiale di “Divini Sapori”, quel Nick Difino che, da food reporter e viaggiatore dell’autenticità, ha percorso l’Alto Tavoliere in lungo e in largo, paese per paese. Nella serata di Poggio Imperiale, poi, non potevano mancare i Cantori di Civitate e la loro musica popolare, un pentagramma emozionale che racconta tradizioni e cultura. L’evento finale di “Divini Sapori”, nei prossimi giorni sarà reso noto il programma, si terrà a San Severo, comune capofila del progetto: “Anche a Poggio Imperiale”, commenta Francesco Miglio, sindaco di San Severo, “la cittadinanza si è ritrovata per ammirare la mostra fotografica itinerante su ‘Le terre dell’Alto Tavoliere’ e poi per assistere allo show cooking. Un modo semplice per stare insieme, discutere e ritrovare il filo di un’identità culturale comune che è leva di sviluppo e di futuro”. “A San Severo”, annuncia Celeste Iacovino, assessore alla Cultura del Comune di San Severo, “concluderemo un percorso iniziato in primavera. Sarà una giornata piacevole e ricca di significati, come tutti gli eventi che hanno cercato di raccontare al meglio un grande territorio, l’Alto Tavoliere”.