COPERTO IL DEFICIT SANITARIO 2023: PALESE, PIEMONTESE, EMILIANO: PER LA PRIMA VOLTA, PUGLIA A DEFICIT ZERO

0
102

Il deficit sanitario della Regione Puglia è stato praticamente azzerato. Ieri la Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Sanità Rocco Palese, di concerto con il vicepresidente e assessore al Bilancio Raffaele Piemontese ha approvato una delibera con la quale sono stati “coperti” gli ultimi 39 milioni di euro di sbilancio nel settore sanitario pubblico per il 2023, destinando quote di avanzo vincolato di parte corrente da svincolare, come previsto dalla legge.

“Per la prima volta – spiegano Palese e Piemontese – la Puglia è a deficit zero per la sanità, avendo assorbito il deficit storico e quello arrivato dopo la pandemia e la fiammata inflazionistica dovuta ai conflitti, ai rinnovi contrattuali e alla situazione economica internazionale. Ci presenteremo il prossimo 21 marzo al tavolo congiunto del Ministero della Salute e del Ministero dell’Economia con i conti in ordine, anche in vista dell’uscita definitiva dal programma operativo. L’obiettivo raggiunto poi mette al riparo la Puglia dall’aumento automatico di tasse e accise. Infine, l’obiettivo arriva senza tagli ai servizi che invece aumentano, come dimostrano i risultati delle tabelle LEA nazionali con i livelli essenziali di assistenza migliorati grazie soprattutto al grande lavoro degli operatori sanitari, che ringraziamo. Occorre comunque vigilare perché il sottofinanziamento del servizio sanitario pubblico da parte del Governo centrale ci costringe sempre a stare attenti, altrimenti ci vuole molto poco a tornare indietro”.

“Si tratta sicuramente di un risultato storico – conferma il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – il cui merito va ascritto alla caparbietà e alla capacità degli uomini e delle donne delle strutture dei dipartimenti regionali coinvolti in questa opera di risanamento epocale. La Puglia della sanità ha tutti gli indicatori in miglioramento: ora occorre che i servizi per i cittadini continuino a migliorare, lavorando sempre di più a fianco di chi è al fronte negli ospedali e sul territorio, cui va il mio personale ringraziamento”.