SAN NICANDRO, POLITICA E PERSONALISMI

BOLOGNA, IMPRENDITORE SANNICANDRESE CHE ASSUME MANO D’OPERA DI SAN NICANDRO
16 luglio 2017
AL VIA OGGI IL FESTIVAL DEI COLORI A MATTINATA
16 luglio 2017
Mostra tutti

Il problema migranti ha innescato una querelle molto dura nella politica locale e all’interno della nostra comunità. E’ evidente che il problema si presta molto ad essere manipolato e quindi la bagarre è totale. Sicuramente l’amministrazione avrebbe potuto (e anzi dovuto) coinvolgere di più il consiglio comunale esponendo il problema alle sue prime avvisaglie per concordare un fronte comune e argomentazioni più o meno valide da esporre all’attenzione del Prefetto di Foggia. Non sarebbe comunque cambiato niente in quanto l’operato della prefettura è in perfetta regola con le disposizioni del Ministero degli Interni ma, quantomeno, il coinvolgimento del consiglio avrebbe offerto minori opportunità di critica da parte dei cittadini i quali sono stati tirati dentro la vicenda all’inizio in maniera molto partecipata, poi, forse anche perché ci si è resi conto che con la prefettura non ci sono argomentazioni che tengano, è tornata la calma ed anche la rassegnazione che ormai il centro di accoglienza è realtà.

Tutta la vicenda, però, ha versato benzina sul fuoco della politica fino ad arrivare agli insulti personali che un buon amministratore deve comunque evitare. Le scelte che si fanno in politica devono essere attaccate dal punto di vista della opportunità e di metodo e se non c’è condivisione saranno gli elettori a giudicare l’operato di chi amministra. Il personalismo in politica è sempre deleterio, il colpire l’altro non è corretto e questo da entrambi le parti in causa. Tutto questo rappresenta un cattivo esempio che si consegna ai giovani i quali sono sempre più lontani dalla politica e questi atteggiamenti li allontanano sempre di più fino a convincere sia loro che i meno giovani che i politici sono tutti gli stessi, che tutti pensano ai fatti loro e quant’altro. E, intanto, l’astensionismo aumenta.

Se la politica non comincia un processo di rinnovamento che cambi le parti in tavola si assisterà ad un continuo imbarbarimento collettivo i cui risultati potrebbero essere veramente disastrosi per San Nicandro.

Il Direttore

Comments are closed.