SAN NICANDRO, FIUME E SORGENTE LAURO

AVIS, DONAZIONE SANGUE
14 agosto 2018
CONTRIBUTI LIBRI DI TESTO ANNO SCOLASTICO 2018-2019
14 agosto 2018
Mostra tutti

Sono arrivare in redazione richieste di persone che vorrebbero comprare o mangiare i “lauridd” (crescione d’acqua) e non sanno a chi rivolgersi. Civico93 ha chiesto alla ristorazione locale e la risposta è stata che questo tipo di verdura, per effetto delle alte temperature, non riesce a crescere e, quindi, appena ci sarà un calo delle stesse i “lauridd” saranno presenti sulle tavole dei buongustai.

Nel nostro territorio si trovano nel corrente Caldoli in località San Nazario (temperatura dell’acqua 32 gradi) e, con una produzione maggiore, in località Lauro (temperatura dell’acqua 17 gradi) da cui trae origine il loro nome dialettale.

A tal proposito si vuole dare qualche informazione sulla sorgente Lauro

Il fiume Lauro rappresenta è uno dei pochissimi corsi d’acqua perenni presenti sul promontorio del Gargano. Il corso d’acqua è situato sul versante settentrionale del Gargano. Le sue acque affiorano da una sorgente che raccoglie le acque della falda superficiale provenienti dal versante settentrionale del Gargano, che prima di immettersi nella laguna di Lesina percorre circa 2 Km. Il corso d’acqua ha una portata media di 450 l/s, ed una temperatura dell’acqua che varia da 14°- 17°C; il suo alveo è largo mediamente 6 m e profondo circa 1.60 m. Il fiume nella sua parte terminale è caratterizzato dalla presenza un fitto fragmiteto (Phragmites australis), di notevole pregio naturalistico. Lungo gli argini sono presenti Tamerici e Salici, ai cui rami il Pendolino (Remiz pendulinus) vi costruisce il nido. Nelle sue fredde acque cresce completamente sommersa, rigogliosa ed abbondante la fanerogama Zannichellia palustris, tra le cui foglie filiformi si nasconde e costruisce il nido lo spinarello (Gasterosteus aculeatus), specie inserita nella lista rossa dei Pesci d’acqua dolce indigeni in Italia considerato “vulnerabile”. Poco più a monte dalla sorgente sono ancora ben evidenti i ruderi di un antico mulino ad acqua, che utilizzava le acque della omonima sorgente per attivare le macine.

Comments are closed.