IN PROVINCIA DI FOGGIA ALTRI 7 PPIT. E SAN NICANDRO?

SAN NICANDRO, PER GLI AUMOBILISTI INDISCIPLINATI USARE IL “SAFER TRAFFIC MOBILE”?
13 settembre 2017
SULL’APERTURA DELLA BIBLIOTECA DI SAN NICANDRO L’OPINIONE DI MARROCCHELLA
13 settembre 2017
Mostra tutti

E’ previsto un riorno all’interno della sanità pugliese che comprenderà interventi anche sulla provincia di Foggia. Dovrebbero diminuire 9 strutture di Pronto Soccorso (quelle con meno di 20 mila accessi l’anno) per la loro trasformazione in PPIT (Punto di Primo Intervento Territoriale). Nel territorio pugliese sono quindi previsti 38 PPIT con 7 assegnate alla nostra provincia.

Tutto ok ma prestiamo un attimo l’attenzione a San Nicandro. C’è solo il 118 ma con la sua possibile articolazione potrebbe essere dotata di ambulanza medicalizzata. Ciò significherebbe minori trasporti in ospedale perché si trasferirebbero le cure primarie di competenza distrettuale per le patologie a bassa gravità e che non richiedono trattamento ospedaliero. Il Punto di San Nicandro disporrebbe di competenze cliniche e strumentali adeguate a fronteggiare e stabilizzare temporaneamente le emergenze fino alla loro attribuzione al Pronto Soccorso dell’ospedale di riferimento.

Nel Gargano sono già 4 i PPIT (Monte Sant’Angelo, Vieste, Peschici e perfino San Marco in Lamis che dista pochi passi dall’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo. Quindi la politica può. Perché non presentare a chi di competenza le nostre posizioni con un comune di 15 mila abitanti? E’ una opportunità che non bisogna lasciarsi sfuggire. Se nell’Asl la politica è di casa si faccia valere la politica di un territorio che negli ultimi tempi non ha ricevuto niente dalla sanità pugliese con l’incognita sempre del centro dialisi che potrebbe essere spostato a San Severo.

Comments are closed.