ECCO I SIMBOLI DELLA “CROCE DELLA PASSIONE” ESPOSTA NELLE CHIESE DI SAN NICANDRO

SAN NICANDRO, NASCE IL GRUPPO “MMUINA”
16 Aprile 2019
AL VIA LA 1^ EDIZIONE “FUGGI A FOGGIA”
17 Aprile 2019
Mostra tutti

Da ieri è iniziata la settimana santa dei cristiani e tutte le chiese di San Nicandro hanno esposto la “croce della passione” o “croce dei misteri”. Ma cosa rappresenta la croce per i credenti? Secondo la religione cattolica la croce rappresenta la testimonianza del Signore Gesù che viene crocifisso sacrificandosi per redimere l’intera umanità dal peccato. Ovunque nel mondo, sia in città che nei villaggi, si possono vedere chiese con croci. La croce appare in diversi paesi e nazioni come segno che l’opera di redenzione del Signore Gesù si è diffusa fino ai confini della terra ed è nota a tutti.

Civico93 vuole ricordare i simboli della “croce della passione” in quanto non sempre ci si sofferma a capire perché sulla croce ci sono tanti oggetti. Essi non solo altro che la testimonianza dei fatti accaduti nelle ultime ore della vita del Cristo. Sulla Croce ci sono:

  • il “titulus crucis”, apposto sulla croce cioè l’iscrizione, riportata dai quattro vangeli canonici, che sarebbe stata apposta sopra la croce di Gesù quando fu crocifisso per indicare la motivazione della condanna;
  • la brocca che è stata usata da Ponzio Pilato per il lavaggio delle sue mani;
  • il calice dell’ultima cena utilizzata da Giuseppe d’Arimatea per raccogliere il sangue del Cristo durante la crocifissione;
  • i dadi dei soldati usati per la conquista della tunica del Cristo;
  • la corona di spine per il re dei giudei;
  • le fruste di saggina per colpire Gesù: il sudario con il volto del Signore;
  • la lancia del centurione che trafisse il corpo di Gesù;
  • il martello usato per picchiare i chiodi nelle mani e nei piedi di Gesù;
  • la tenaglia usata per rimuovere i chiodi;
  • pezzo di spugna imbevuta di aceto per far bere Gesù; il mantello rosso che poi è stato oggetto di partita coi dadi; l’iscrizione sulla corse che era il motivo della condanna;
  • chiodi (tre) utilizzati per la crocifissione; martello per conficcare i chiodi e tenaglia;
  • le catene o le corde che cinsero Gesù durante la notte in prigione;
  • la mano o il guanto che colpì il volto di Gesù durante la derisione;
  • la canna come scettro di Gesù;
  • la scala usata per la deposizione di Gesù dalla croce;
  • il gallo per ricordare San Pietro che rinnegò per tre volte il suo Maestro; la scala con cui Gesù fu deposto;
  • la lanterna o le torce usate dai soldati che arrestarono Gesù nell’orto degli ulivi, oltre alle spade ed ai bastoni;
  • un sacco di monete del tradimento di Giuda;
  • il sole e la luna, rappresentanti l’eclissi che si verificò durante la passione di Cristo;
  • la sindone usata per avvolgere il corpo di Gesù durante la sepoltura.

 

Comments are closed.