A SAN MARCO IN LAMIS L’“OSPEDALE DI COMUNITA’”

LA FINTA GUERRA SUGLI INCENERITORI DI MATTEO SALVINI E LUIGI DI MAIO
26 Novembre 2018
ANCORA RIFIUTI MATTUTINI DEPOSITATI DAVANTI AL CENTRO DI RACCONTA DI SAN NICANDRO
26 Novembre 2018
Mostra tutti

Come già annunciato, San Marco in Lamis, Vieste, Vico e Monte Samnt’Angelo avranno il loro ospedale di comunità come previsto dal riordino ospedaliero della Regione Puglia. Tale “ospedale” diventa uno strumento fondamentale per il territorio perché assicura la continuità delle cure a tutte quelle persone, anziane e affette da patologie croniche, che necessitano di un’assistenza sanitaria che non potrebbero ricevere a domicilio. Ed ancora tali strutture snelliscono quei reparti degli ospedali, come ad esempio Geriatria, Pneumologia e Medicina Generale, caratterizzati sempre da un continuo sovraffollamento.

Intanto il sindacato Fials-Confasal ha fatto dei rilievi al Governatore della Puglia Emiliano così scrivendo: “Non possiamo accettare come la direzione aziendale abbia voluto dare in diretta gestione dei medici di medicina generale gli ospedali di comunità, diversamente a quanto avviene in tutti gli ospedali di comunità delle varie regioni, come in ultimo la Regione Abruzzo, dove vi è la diretta gestione degli infermieri.

I medici di medicina generale dedicano appena alcune delle loro attività sulle 24 ore giornaliere ai propri pazienti ricoverati nella struttura, rimanendo solo disponibili su chiamata degli infermieri e con ripetizione di attività, spesse volte, di esclusiva pertinenza infermieristica.

Tutta la gestione e l’attività assistenziale, invece, ricade unicamente sul personale infermieristico. La richiesta della Fials al direttore generale, come anche al presidente della giunta regionale, è rivedere la posizione assunta sulla “gestione” degli ospedali di comunità che non può che avere la caratteristica infermieristica e non certamente gestione medica”.

 

Comments are closed.