FARE DI SAN NICANDRO UN MUSEO ALL’APERTO

0
98

Molti articoli di Civico93 sono stati finalizzati alla rivalutazione di San Nicandro anche con l’utilizzo dell’arte pittorico, come i murales. Ormai sono esperienze che fanno molte cittadine anche della nostra provincia e che hanno la capacità di essere attrattori turistici.

Anche la Regione Puglia sembra condividere questo fenomeno che si sta sviluppando in maniera esponenziale. Infatti, con la legge regionale n. 67/2018 favorisce percorsi di costruzione pubblica e collettiva degli spazi urbani, intesi nella dimensione di patrimonio sociale, civico e culturale, per promuovere e sostenere la Street Art, quale forma espressiva in grado, di riqualificare e valorizzare in chiave culturale luoghi e beni delle città, con particolare riferimento ad aree degradate o periferiche. Un percorso sperimentale che punta ad accrescere la ricchezza dei luoghi di valore identitario e a trasformarli in laboratori di inclusione sociale, educazione culturale, luoghi di incontro e di scambio. I comuni che volessero candidarsi e quindi ricevere i relativi contributi devono solo compilare una scheda informativa sul portale CartApulia (www.cartapulia.it) sezione “Partecipa a” dal 07/08/2019 al 09/09/2019.

L’azione della Regione Puglia è rivolta alla Street Art. Ma il discorso potrebbe interessare anche i murales. Lo scorso panno veniva proposta un’idea abbastanza forte dal punto di vista turistico, cioè far diventare San Nicandro un museo a cielo aperto usufruibile da tutti e con destinazione di visite turistiche assicurate.

Qual è l’idea di Gino? Ok ai murales ma noi non viviamo in città metropolitana ma in una cittadina garganica e, quindi i disegni devono essere luminosi e mediterranei. Ecco l’idea.

  1. Far dipingere tutti i grossi muri che abbiamo a San Nicandro. Mi riferisco a muro via Lauro, muro via Matteotti ex pretura, muro Scuola Boschetto, muro Parco san Michele, muro Boschetto sotto centro per anziani e per finire il muro via Torre Mileto nella curva appena entri a San Nicandro e i muri viale Stazione lato sx;
  2. 2. Predisporre un concorso con partecipanti che devono consegnare le proposte su carta che un’apposita commissione dovrà valutare. In ordine di “vittoria” verrà assegnato “il muro più bello” che potrebbe essere quello dell’ingresso di via Torre Mileto.
  3. 3. L’artista si accontenta anche solo di un piccolo premio. Il premio più importante è quello di vedersi il suo muro reso diverso da lui e con la sua firma.
  4. Il comune dovrà fornire solo i materiali, pennelli, pittura, ecc.

Avremo così, alla fine, una bella cittadina piena di dipinti mediterranei magari che diventa una “mostra”.

E perché no, proporre un itinerario per i turisti che si recano a san Nicandro.

Come si evince, un’idea originale che, forse, non si trova ancora in nessuna parte dell’Italia.

Perché non tracciare una road map per questa iniziativa e offrire il prodotto finito per l’estate 2020? Civico93 è disponibile per dare il suo contributo.

(Nella foto si vede la stessa abitazione prima… e dopo l’intervento dell’artista